“…a cani e porci…”

Ritorna così il sindaco di Adro, quello diventato famoso per avere negato la mensa scolastica ai bambini della famiglie che non erano in regola con la retta (quasi tutti stranieri).

E lo fa nel giorno della Memoria, definendo “cani e porci” l’imprenditore che aveva pagato di tasca sua le rette e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

E le parole contano molto più di quello che possono sembrare, perchè sono le parole stesse del nazismo, delle leggi razziali, della Shoah.

E riportando le parole di Marescotti proprio sulla Shoah, l’attore ospite questa sera di una bella iniziativa su “Identità e razzismo” a Santarcangelo di Romagna, “il fatto che è potuto succedere vuol dire che potrebbe accadere un’altra volta”.

La Lega Nord ha e avrà in qualsiasi episodio di razzismo che si produce o si produrrà in Italia una responsabilità storica enorme che non potrà mai cancellare e della quale dovrà vergognarsi per sempre.

Annunci

Un pensiero su ““…a cani e porci…”

  1. Bravo Giovanni, e non stancarti (non stancatevi) mai di combattere ogni giorno la malapianta dell’ignoranza anticamera ,nella maggioranza dei casi, della violenza becera e del razzismo. Walter Moretti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...