Celentano a San Remo

Leggo questo articolo secondo il quale Celentano per partecipare a San Remo percepirà qualcosa come 350.000 euro (trecentocinquantamila!) per una serata, 700.000 per due o 750.000 euro se parteciperà a più di due serate.
A quanto si legge, ci sono state polemiche riguardo all’entità della cifra (soprattutto in momenti di crisi) e in risposta a tutto ciò, Celentano ha detto che devolverà questi soldi ad Emergency e ad alcune famiglie bisognose in stato di assoluta povertà che gli verranno indicate da 7 sindaci (Pisapia, Tosi, Alemanno, Zedda, De Magistris, Renzi ed Emiliano).
L’articolo spiega poi che celentano pagherà le tasse su questi soldi, che il tutto avverrà alla presenza di un notaio eccetera. Con questo le polemiche si dovrebbero placare, in teoria, ma a me rimane qualche dubbio.

Apprezzo tantissimo il gesto, sono assolutamente favorevole ad aiutare le famiglie bisognose e mi fa sicuramente piacere che Emergency possa costruire uno o due ospedali, ma è il sistema a non andarmi bene.
Qui la RAI, struttura pubblica, paga centinaia di migliaia di euro pubblici ad un privato, il quale decide autonomamente di devolvere in beneficenza ad Emergency parte di questi soldi pubblici e chiede a 7 amministratori locali scelti da lui di indicargli alcune famiglie bisognose.

Ora, l’erogazione di fondi alle Onlus non potrebbe e dovrebbe essere gestita dallo Stato direttamente?
E non ci sono gli ammortizzatori sociali per le famiglie in difficoltà?
Perchè una famiglia povera di Cremona deve vedere i soldi delle sue tasse e del suo canone dati ad un cantante il quale decide di ridistribuirli tra famiglie povere di altre città?
La RAI dove taglierà nel suo bilancio per risparmiare 750.000 euro da dare in beneficenza?

Dal momento che a quanto pare Celentano non va a San Remo per soldi (anzi, pagando le tasse sulle donazioni va a finire che ci rimette, come dice l’articolo), non sarebbe meglio pagarlo molto meno (non so, 500 euro? 1.000?) e tenere in RAI il resto dei soldi per finanziare qualche lavoro RAI?
Oppure tenerli per chiudere in positivo il bilancio RAI e farli tornare così allo Stato il quale potrebbe decidere di impiegarli come meglio crede?
Magari poi lo stato li utilizzerebbe lo stesso come ammortizzatori sociali (sicuramente aiutare le famiglie in difficoltà deve essere una priorità del governo), ma se non altro lo farebbe con una visione d’insieme superiore a quella che possono avere 7 sindaci, seppur di grandi città.

Non dimentichiamoci, infine, che in questo caso la beneficenza la fa lo Stato, non Celentano, dato che i soldi provengono dallo Stato.
Allora, perchè non spenderne meno e dare gli altri ugualmente in “beneficenza” ma senza lasciare ad altri la scelta dei destinatari?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...