Un via stretta, da percorrere

Proseguono in queste ore i contatti tra partiti, Governo e parti sociali per apportare modifiche alla proposta di riforma del lavoro del ministro Fornero e nei prossimi giorni dovrebbe essere pronto il disegno di legge.

L’attenzione di sindacato e PD è concentrata sulla norma più discussa: quella che introduce il licenziamento per motivi economici, senza prevedere il reintegro del lavoratore in caso tali motivi siano poi giudicati inconsistenti dal giudice. E’ comprensibile che sia così: si stabilisce un principio inaccettabile, quello della monetizzazione del lavoro.

La riforma Fornero è però largamente insufficente anche in altre sue parti, quelle riguardanti il lavoro atipico e precario. (come abbiamo già sottolineato)

  • Si deve disboscare la selva di contratti atipici, perchè ne sono rimasti 40, come i ladroni.
  • Gli “ammortizzatori sociali universali” sono rimasti una facile suggestione: si devono estendere tutele a chi non ne ha nessuna, e per farlo non serve “togliere ai padri per dare ai figli”
  • L’indennità di disoccupazione diventa irraggiungibile per chi non ha un lavoro stabile e duraturo nel tempo (ad esempio sarebbe molto grave la situazione per i lavoratori stagionali).
  • “Il lavoro precario deve costare di più”, si ma non ai lavoratori: alle aziende.
  • Deve essere rafforzato e reso effettivamente praticabile il contrasto all’abuso di stage e finte partite iva.
  • Si deve favorire davvero l’accesso al mondo del lavoro (la famosa “flessibilità in entrata”) e potenziare l’apprendistato, al di là delle frasi ad effetto sentite già troppe volte.

Il compito del PD e di Bersani è quindi molto complesso: fissare un principio di civiltà e allo stesso tempo premere con forza perchè si faccia di più per i precari e i non tutelati.

E’ una via stretta da percorre, ma in questo caso le virgole sono importanti: è questa la strada che va percorsa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...