Ladroni a casa nostra

La fine di Umberto Bossi è sacrosanta e non merita nessuna compassione. È stato uno degli uomini politici più rozzi, volgari e violenti della storia politica italiana ed è giusto che affoghi nei suoi scandali, facendo la figura del vecchio rincoglionito che non si rende conto di quello che gli succede intorno e viene imbrogliato dal figlio, dalla famiglia e dai suoi più stretti collaboratori politici. In fondo, uno che si fingeva laureato in medicina come poteva concludere la propria carriera se non finendo fregato da uno, il tesoriere Belsito, che di lauree ne millantava addirittura due?

La Lega Nord meriterebbe di seguirlo in questa discesa all’inferno. È un partito razzista, secessionista, eversivo, che in qualunque paese del mondo striscerebbe ai margini della vita pubblica, mendicando uno spazio in qualche trasmissione televisiva o in qualche giornale e che solo in Italia ha potuto, per troppo tempo, vestire i panni di una matura forza di governo. Solo in Italia un partito del genere, con quelle idee e quella classe dirigente, avrebbe potuto occupare ministeri importanti come quelli dell’Interno o delle Riforme Costituzionali.

E, a proposito di ministri, cerchiamo di non cadere nel giochino “Lega buona – Lega cattiva”, “cerchio magico – barbari sognanti”. La Lega una è ed una rimane. Maroni è responsabile di quanto è accaduto come Bossi. Perché non si può vivere all’ombra del capo per decenni, accettare che in dieci anni non venga mai celebrato un congresso e poi pigolare, quanto torna a proprio vantaggio, facciamo pulizia. Troppo comodo: la pulizia andava fatta prima, adesso è tardi.

Quanto accaduto non sarà la fine della Lega, né tanto meno lo sarà delle pulsioni razziste ed estremiste che esistono in questo Paese. Spero almeno, però, che la botta l’abbiano sentita. Forte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...