Questione di visibilità

Cosa non si fa per avere un poco di visibilità.. L’uomo, per sua natura tende da sempre alla popolarità,  al riuscire a distinguersi, all’essere sulla bocca di tutti o all’apparire, specialmente in prima pagina.
Per fare tutto ciò esistono diversi modi, ma i più singolari ce li hanno mostrati due grandi comunicatori : Gioenzo Renzi e Beppe Grillo.

Immagine
Il primo , durante la festa per la riqualificazione di Borgo Marina a Rimini ha pensato bene di spintonare Cristina Zoli  (del comitato cittadino) in modo da farsi trovare in bella vista per  gli scatti dei fotografi. E’ risaputo, in politica non contano i temi e le proposte, l’importante è solo il sorriso, la presenza in prima fila durante la fotografia, e allora perché non sistemare uno spintone ben assestato per raggiungere il proprio obiettivo e il proprio desiderio di visibilità?  Sicuramente un’ efficiente mossa da esperto e abile politico.

Immagine

Il secondo invece, da profondo conoscitore dell’assioma “ più la sparo grossa, più faccio scandalo, più eco mediatico otterrò”, sta continuando la sua campagna “frasiacaso.it” riuscendo ad affermare a Palermo , nel trentennale della morte d Pio La Torre, che la mafia non strangola le sue vittime mentre invece la crisi e la politica sì.

Questa tecnica , abituale per il politicomico (?) genovese,  è sempre più usata  (la Giovane Repubblica di Salò riminese ce lo ha mostrato poco più di una settimana fa ) e riscuote un notevole successo grazie al clamore che suscita.

Non commento neanche il contenuto delle affermazioni di Grillo (e nemmeno quelle dei giovani repubblichini) per non cadere nel volgare e per non dare peso a delle parole sciagurate.
Però forse occorre una riflessione. Va bene cercare di catalizzare l’attenzione, ma se da una parte si può risultare semplicemente ridicoli come ha fatto Renzi, dall’altra si è giunti a delle parole gravi che tentano di banalizzare una piaga sociale tanto dolorosa quanto atroce.
Le azioni, come le parole, hanno un peso e la ricerca continua dell’ essere in primo piano può essere pericolosa: in certi casi un pizzico di sobrietà, il parlare di problemi concreti e di possibili soluzioni senza fare sparate quanto mai inopportune è la via migliore.  Anche se a scapito della bramata visibilità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...